Pagina corrente: Home Iniziative Gite effettuate - 2009 Da Parco a Parco (Pietra di Bismantova - Riomaggiore)
CAI Bismantova
Messaggio
  • Direttiva EU e-Privacy

    Questo sito web usa i cookie per gestire l'autenticazione, la navigazione, e altre funzioni. Usando il nostro sito accettate che questo tipo di cookie siano inseriti nel vostro apparato.

    Guarda i documenti della policy sulla Privacy

Da Parco a Parco (Pietra di Bismantova - Riomaggiore) PDF Stampa E-mail
Sabato 02 Ottobre 2010 20:53

Da Parco a Parco: dalla Pietra di Bismantova a Riomaggiore

(Venerdì 15, Sabato 16, Domenica 17 maggio 2009)

 

Programma di massima

 

Venerdì 15 maggio: Dalla Pietra di Bismantova a Sassalbo

Partenza alle ore 7.00 c/o piazzale Dante alla base della Pietra di Bismantova

ITINERARIO: Si scende subito per i borghi di Carnola e Parisola per poi attraversare il rio Dorgola. Ora si inizia a salire per carraie e prati verso la Sparavalle sino al fortino omonimo. Da qui all’osservatorio astronomico e quindi alle fonti di S. Lucia. Imbocchiamo il sentiero 665 che transita per il Bivacco Cadoniche ( sosta per approvvigionamento acqua ), dopo un breve tratto in salita verso il Monte Ventasso incrociamo il segnavia. 663 che porta al lago Calamone, da qui seguiamo il sentiero 661 e quindi 667 per il passo di Pratizzano.

Seguiamo per prati l’antico tracciato napoleonico, ora sentiero del pellegrino, che costeggia il Monte Casarola e parte del Monte Alto sino al passo dell’Ospedalaccio .

Scendiamo in poco piu’ di 1 ora al borgo di Sassalbo sul sentiero 100 per i prati di Camporaghena, transitando alla base di una formazione di gessi del triassico che ha dato origine al nome al paese di Sassalbo (sasso bianco), recente sede del Parco Nazionale dell’Appennino Tosco Emiliano.  Qua termina la prima tappa.

Percorrenza circa 11-12 ore soste comprese

 

Sabato 16 maggio: da Sassalbo a Terrarossa

Partenza alle ore 7.00.

ITINERARIO: dal borgo di Sassalbo dopo aver attraversato il torrente Rosaro si sale sulla strada, in parte asfaltata, che porta a Comano, verso il monte  Bottignana, sovrastante l’omonimo borgo. Si abbandona la strada proseguendo sul crinale per il colle Monterchio sino ad incrociare una carrareccia (quella a valle verso Comano) che transita per il monte Tersicoli.

Si prosegue sempre lungo la linea di crinale per imboccare una nuova mulattiera che sale dal paese di Crespino. La seguiamo sino al paese di Cisigliana, quindi Bastia, per scendere ripidamente a Licciana Nardi.

Dopo aver attraversato, su ponte, il torrente Taverone, si percorre un tratto asfaltato sino al borgo di Monti e al castello omonimo. Si prosegue per Borgo Pietrelli, Costamala, Masero, incrociando la s.s. della Cisa, che in poco meno di 1 km, sulla destra, ci porta a Terrarossa.

Si pernotta presso l’ostello di Terrarossa. Prenotazione presso il sig.Puppi c/o comune di Licciana Nardi ( 0187474942 )

Percorrenza stimata 8-9 ore.

 

Domenica 17 maggio:  da Terrarossa a Riomaggiore

Partenza ore 7.00

ITINERARIO: Dopo aver raggiunto, col pulmino, via Ceparana, la località Trattoria, riprendiamo il cammino seguendo il tracciato denominato Alta Via del Golfo, toccando i borghi di Case Ratti, Pianazza, Marinasco, S.Anna, per salire alla sella di Carena.

Saliamo,a sinistra, verso il bivio di Bramapane e successivamente al colle Telegrafo.

Imbocchiamo ora il sentiero 3 sino al santuario della Madonna di Montenero e poco dopo giungiamo a Riomaggiore.

Percorrenza stimata  4-5 ore

Sintesi della gita: trekking perfettamente riuscito, con un notevole numero di partecipanti

 
SEO by Artio
Design by Next Level Design Lizenztyp CC