Pagina corrente: Home Iniziative Gite effettuate - 2008 Gran Paradiso
CAI Bismantova
Messaggio
  • Direttiva EU e-Privacy

    Questo sito web usa i cookie per gestire l'autenticazione, la navigazione, e altre funzioni. Usando il nostro sito accettate che questo tipo di cookie siano inseriti nel vostro apparato.

    Guarda i documenti della policy sulla Privacy

Gran Paradiso PDF Stampa E-mail
Lunedì 04 Ottobre 2010 20:53

Trekking ed ascesa del Gran Paradiso (m. 4061)

(Sabato 28÷ Martedì 31 agosto 2004)

Relazione del Trekking

 

Sabato 28 agosto

La giornata si è svolta secondo il programma stabilito: Roberto, Enrico, Stefano, Silvia e Nino si sono ritrovati alle 7 in Sezione, e alle 8 a Reggio si sono aggregati Paolo, Nicola, Andrea e Bruno. A Valnontey il gruppo si è completato con Fabrizio e Pio (partiti da Modena, hanno lasciato la macchina sotto Pont e poi in taxi hanno raggiunto Valnontey).

Alle 14 il gruppo è salito, sotto un bel sole ed un cielo terso, verso il Rifugio Sella. L’ascesa si è svolta sul un bel sentiero, a tratti abbastanza ripido. Senza problemi il gruppo e alla spicciolata è arrivato tra le 17 e le 17.30 al Rifugio, ubicato in una bella piana circondata da monti alti 3500 metri.

 

Domenica 29 agosto

Dopo la colazione, il gruppo alle 8.00, sotto un cielo sereno, è partito in direzione del Colle Lauson. Il sentiero è molto frequentato, non presenta problemi di orientamento, e la pendenza non risulta mai eccessiva. Dalla cima del colle, dopo una meritata sosta, verso le 11.30  è iniziata la discesa, su terreno un po’ più impervio e friabile. Questa risulta essere abbastanza lunga, e solo verso le 13.30 il gruppo ha incontrato il bivio di Levionaz, da dove riparte la salita verso il Col Money. La parte iniziale non presenta problemi, mentre più in alto, in prossimità del Ghiacciaio del Gran Neyron, diventa decisamente più impegnativa. L’ultimo tratto, che conduce ai piedi della ferrata, sotto un cielo via via più coperto dalle nuvole, si svolge su morena glaciale, molto ripida, instabile è faticosa, sicuramente consigliabile solo ad escursionisti molto esperti. La ferrata è più semplice del tratto precedente, e porta in una mezz’oretta al Colle, raggiunto dal gruppo alle 14.30 senza eccessive difficoltà (ma con il fiato un po’ corto!). Iniziata velocemente la discesa su terreno ripido, impervio e sotto qualche goccia, il gruppo tra le 16.30 e le 17.30 è arrivato al Rif. Chabod (gli ultimi hanno dovuto indossare le giacche a vento per ripararsi da una pioggia abbastanza fitta).

Al rifugio il gruppo ha deciso di rinunciare, per il giorno dopo, di scendere dal Gran Paradiso verso il Rifugio Vittorio Emanuele, per cui ha prenotato il pernottamento del lunedì sempre allo Chabod.

Verso sera al Rifugio sono arrivati Enzo e Ortensia (anche loro abbastanza inzuppati di acqua).

 

Lunedì 30 agosto

Il gruppo si è svegliato alle 4.00, per partire verso il Gran Paradiso alle 5.30, sotto un bel cielo stellato e la luna piena. All’ascensione non hanno partecipato Bruno (cosa convenuta fin dall’inizio del giro, per problemi di rientro a Reggio) ed Enrico (problemi ad un ginocchio). L’ascenzione si è svolta senza difficoltà e sotto un bel sole, attraversando all’inizio una zona molto crepacciata (la salita è avvenuta a fine stagione). In cima, il consueto affollamento e qualche tedesco che, in modo poco educato, si è fatto largo spingendo per arrivare alla Madonnina. Tra le 12 e le 13.30 tutto il gruppo è rientrato al Rifugio.

Nel pomeriggio il Gruppo ha giustamente festeggiato l’ascesa e salutato Fabrizio, Pio ed Andrea, che sono scesi a valle e rientrati a casa.

 

Martedì 31 agosto

Sveglia alle 7 e partenza alle 8. La discesa non ha presentato particolari problemi e nell’ultimo tratto si è svolta in un bel bosco di conifere. Verso le 10.30 tutto il gruppo si è ritrovato all’inizio del sentiero che conduce al Rif. Chabod, poco sotto la località di Pont.

A quel punto, mentre Paolo, Stefano, Nino ed Enrico si sono messi in paziente attesa, Enzo ed Ortensia, che avevano parcheggiato lì la macchina domenica pomeriggio, hanno caricato Silvia, Roberto e Nicola, e li hanno accompagnati a Cogne, dove sabato erano state lasciate le macchine. Roberto, recuperata la jeep, è tornato in Valsavaranche a prendere gli ultimi 4. Verso le 14 tutti quanti (ad eccezione di Enzo ed Ortensia, che per problemi personali hanno accelerato il rientro e si sono diretti a Genova) si sono ritrovati ad Aosta, dove hanno festeggiato in un bel ristorante (segnalato ad un amico di Nicola), tra tipiche specialità valdostane. Tra le 20.30 (i “reggiani”) e le 22 (Roberto, in quel di Ligonchio) tutti i partecipanti sono arrivati a casa.   

 
SEO by Artio
Design by Next Level Design Lizenztyp CC